TRANSNAZIONALITA’

 

Il progetto si avvale della disponibilità di due importanti centri:

1) L’Innovation Centre Nikola Tesla (ICENT Università di Zagabria)è un ente senza scopo di lucro fondato allo scopo di superare il divario tra ricerca accademica e industriale per rispondere alle esigenze del settore produttivo. Ha la funzione di consentire e accelerare la commercializzazione delle nuove tecnologie in aree critiche per lo sviluppo dell’economia croata. Simile per funzioni ed attività al CNR Italiano, è specializzato nella ricerca applicata e nello sviluppo di sistemi innovativi nel settore dell’ingegneria e con un forte supporto della tecnologia ICT. La sua mission è quella di accompagnare la società croata e la sua economia verso la competitività e la sostenibilità.

2) L’ Associazione Universitaria (senza fini di lucro) Unska 3 (Zagabria), denominata “Energy Platform Living Lab” è un’organizzazione per Open Innovation nell’ambito di Energia e Ambiente. Organizza e svolge attività di ricerca e innovazione nel settore energetico in collaborazione con istituzioni internazionali nei territori del sud-est europeo.

Gli obiettivi: Il nostro impegno in ambito transnazionale si basa sulla convinzione dell’importanza dell’apertura europea e transnazionale per un confronto costruttivo e propulsivo verso realtà, prassi e modelli diversi, in alcuni casi più evoluti. La mobilità transnazionale, parte integrante del percorso di formazione e accompagnamento alla creazione d’impresa e al lavoro autonomo, ha l’obiettivo di promuovere attraverso esperienze professionali in altri paesi europei lo sviluppo di competenze tecnico-professionali e manageriali di futuri imprenditori, finalizzate a conseguire lo sviluppo di innovazioni di processo, di prodotto o di servizi e l’internazionalizzazione a vantaggio del settore. La dimensione transnazionale offre la possibilità di confrontarsi, comunicare e collaborare con altri soggetti in uno scenario allargato, sovranazionale, così da aumentare le possibilità di scambio di buone prassi, allargare la rete di partner, sviluppare nuove metodologie di intervento e favorire la crescita dell’organizzazione, in un’ottica di learning organization volta al miglioramento dei servizi proposti. Il modello proposto prevede una fase preparatoria; una esperienziale; e una di restituzione.